Lega affama i prof meridionali. I prof del nord esultano, ma…

Quando mi abilitai per l’insegnamento, l’allora ministro dell’istruzione Moratti mi disse che potevo scegliere una provincia dove poter insegnare. In quella provincia sarei stato immesso per mezzo di una graduatoria. Sarei stato dietro le persone con più punti di me e davanti a chi aveva meno punteggio.

Il punteggio si calcola in base al merito (voto di laurea, voto dell’esame di abilitazione, corsi di perfezionamento, dottorati, master, ecc) e in base al lavoro svolto. Chi ha studiato e lavorato di più deve stare più in alto rispetto chi ha fatto di meno. Si chiama, appunto, meritocrazia.

Poi venne Fioroni, che mi disse: scegli una provincia e una soltanto. Da lì non potrai più muoverti, ma entro cinque anni ti assumiamo. Se decidi di spostarti, finisci alla fine della fila. Un po’ come al supermercato. Così scelsi di stare a Catania, in attesa che il governo investisse del denaro per immettere in ruolo migliaia di prof precari come me.

Quindi venne la Gelmini, che oltre a non fare niente di quello che Fioroni aveva promesso, fece tanti di quei tagli che lavorare a Catania fu impossibile. L’ultima volta che mi presentai alle convocazioni per le supplenze annuali (il momento cioè in cui assegnano le cattedre ai supplenti) c’erano sette spezzoni (cioè cattedre di poche ore) per ottocento candidati.

Decisi di trasferirmi a Roma, dove almeno, per chiamata diretta delle scuole, puoi lavorare un po’ meglio, un po’ di più. Nel frattempo facciamo ricorso, lo vinciamo. La norma Fioroni è incostituzionale perché non puoi impedire a nessuno di muoversi sul territorio nazionale, nemmeno sotto la minaccia di perdere il proprio posto nella fila, in graduatoria.

Si riaprono le graduatorie, riesco a completare il mio trasferimento a Roma. Per avere la possibilità di lavorare un po’ di più. E, come sempre, starò davanti a chi ha meno punti di me e indietro a chi ne ha di più.

Fino a quando la Lega Nord non decide di mettersi di traverso… il senatore Pittoni, padano doc, propone un emendamento al decreto sullo Sviluppo, discusso in questi giorni. chi sta nelle graduatorie da prima del 2011 avrà quaranta punti in più rispetto a chi si trasferisce.

Per intenderci: un punto soltanto può permetterti di salire in graduatoria di diverse posizioni. Con quaranta punti in più rischi di far ottenere il mio stesso punteggio a chi ha lavorato o è titolato meno di me. In barba alla meritocrazia.

La Lega lo fa perché non vuole nuovi insegnanti del sud nelle scuole del nord.

La cosa che mi sconvolge di più è l’entusiasmo di certi colleghi: secondo loro questa norma è giusta, perché in tal caso si vedrebbero scavalcati da chi ha più punteggio di loro, cioè da chi ha lavorato e studiato di più. Senza però ricordare che anche quando essi stessi si sono inseriti nelle graduatorie hanno scavalcato, a loro volta, altri.

L’emendamento Pittoni è già stato giudicato incostituzionale alla Camera, ma il senatore lo ripresenterà al Senato. A quanto pare i leghisti non vogliono i prof del sud nelle scuole d’Italia…

Se dovesse passare, gente come me perderebbe di fatto il lavoro, ma a quanto pare ad alcuni dei miei colleghi la cosa non importa. Loro manterrebbero saldo il loro punteggio. Fino a quando, e questo sembrano ignorarlo, un nuovo Pittoni, fatti fuori noi deboli, se la prenderà con i meno deboli e così via.

Il berlusconismo è anche questo: un orticellismo che non fa capire alle categorie discriminate che se mettono in una camera a gas (mi si passi la metafora) qualcuno con i tuoi stessi requisiti, prima o poi toccherà anche a te.

Intanto stiamo a guardare. Io, nell’attesa, non so se a settembre sarò ancora un insegnante oppure se dovrò reinventarmi un nuovo futuro. Per l’ennesima volta negli ultimi nove anni.

Annunci

5 thoughts on “Lega affama i prof meridionali. I prof del nord esultano, ma…

  1. Pingback: Lega affama i prof meridionali. I prof del nord esultano, ma…

  2. Ed è solo l’inizio:cosa inventeranno ancora?Sarà facile immaginarselo;verrà per moltissimi una “stretta di scarpe”,e finalmente si APRIRANNO gli occhi.NE DUBITO.
    TANTISSIMI AUGURI A TUTTI.

  3. Pingback: Lega affama i prof meridionali. I prof del nord esultano, ma… | Notizie Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...