Libera minchiata in libero stato

Prima fa un convegno contro il darwinismo. Per dimostrare che il mondo l’ha creato Dio.
Poi va a Radio Maria e, sul Giappone, dice: «I terremoti sono una voce terribile ma paterna della bontà di Dio».

Il mondo della scienza si ribella. In molti chiedono le sue dimissioni. Ma il vicepresidente del CNR, Roberto De Mattei, non ammette di aver detto la boiata.

Per capire la gravità di quello che ha fatto: scopri che hai un cancro, vai dal medico e quello ti dice che devi gioire, ché sei stato toccato dall’amore di Dio, dio temibile ma giusto. (Dovrebbe seguire, a questo punto, la domanda su cosa scaglieresti sulle gengive del dottore, se un crick o un grosso posacenere di vetro dagli angoli non smussati, ma per stavolta passiamo.)

De Mattei si difende: io ho solo citato un vescovo, che disse le stesse cose in occasione del terremoto di Messina.
Tradotto: l’ha detto un prete, per cui posso dirlo anch’io.
Libera minchiata in libero stato, insomma.

Allora, visto che ci piacciono tanto le citazioni, possiamo ricordare Totò che in un suo film diceva: «Lei è un cretino, si informi». Almeno De Curtis faceva ridere sul serio e veniva pagato, lui sì, proprio per questo.

Annunci

5 thoughts on “Libera minchiata in libero stato

  1. De Mattei e il suo vescovo arrivano buoni ultimi, tra l’altro dovrebbero pure essere accusati di plagio visto che hanno omesso di citare Voltaire, solo che non hanno capito che il dottor Pangloss era un personaggio caricaturale.

  2. Pingback: Dal blog di Elfo Bruno: Libera minchiata in libero stato « Rainbowman56's Blog

  3. Pingback: Libera minchiata in libero stato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...