Vaticano: odiare i gay è nostro diritto!

Per il Vaticano l’omofobia è un diritto umano, da salvaguardare.

Ci sono persone che vengono attaccate perché prendono posizioni che non sostengono i comportamenti sessuali tra individui dello stesso sesso. Quando esprimono le loro convinzioni morali o le loro idee circa la natura umana, le quali potrebbero anche essere espressione delle loro credenze religiose, o quando esprimono la loro opinione su talune affermazioni della scienza, esse vengono stigmatizzate, o peggio diffamate e perseguitate. Questi attacchi contraddicono i principi fondamentali enunciati in tre risoluzioni approvate dal Consiglio in questa sessione. La verità è che questi attacchi costituiscono violazioni dei diritti umani fondamentali, e non possono in nessun caso essere giustificati.

Sono le parole dell’arcivescovo Silvano Tomasi, dell’Osservatorio permanente del Vaticano presente alle Nazioni Unite, e arrivano all’indomani di una risoluzione all’Onu da parte della Colombia, «che chiede di mettere fine alle violenze e discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere delle persone», come si legge sul sito Gaynews24.

Faccio notare due cose, a proposito.

La prima: quella gigantesca messe di carta straccia che in Italia viene chiamata con l’epiteto, evidentemente ironico, di “giornalismo” non fa menzione alcuna della notizia (ad eccezione di alcuni casi isolati).

La seconda: il Vaticano ha appoggiato le peggiori dittature del mondo, tutte rigorosamente nazi-fasciste, e oggi protegge i pedofili, accogliendoli nel proprio organico dirigente. Non poteva, di conseguenza, che essere accanto ai regimi quali Arabia Saudita e Iran, dove i gay li condannano a morte.

6 thoughts on “Vaticano: odiare i gay è nostro diritto!

  1. espropriare qualunque possedimento del vaticano su suolo italiano rendendo la presenza dei residenti dell’ex-stato in italia temporanea e/o subordinata all’ottenimento di un impiego. richiedere alle casse dell’ex-stato vaticano le tasse non pagate negli ultimi centocinquanta anni. rendere illegale qualunque partito politico fondato sull’appartenenza a qualsivoglia forma di pur vaga religiosità. rendere per legge la professione di qualunque credo legata alla sola sfera privata. trasformare le chiese in musei d’arte religiosa e proporre forme di aggregazione religiosa alternative quali le associazioni culturali (come molti pub).

  2. Sai che c’è Dario? Che è ora di finirla col buonismo di facciata dei tanti che parlano e non agiscono: si comincino a fare nomi e cognomi dei tanti prelati e politici stipendiati anche dai prelati che di notte sono checche perse e di giorno incravattati e perbenisti: vuoi vedere che qualcosa succede?

  3. Ho amato in silenzio.Non sapevo perchè.Volevo stringere la sua mano.Farmi toccare i capelli.Dopo.Solo dopo ho visto un uomo e non ho cessato mai piu di amarlo.

  4. Ci sono persone che vengono attaccate perché prendono posizioni che sostengono i comportamenti sessuali tra individui dello stesso sesso. Quando esprimono le loro convinzioni morali o le loro idee circa la natura umana, le quali potrebbero anche essere espressione delle loro credenze religiose, o quando esprimono la loro opinione su talune affermazioni della scienza, esse vengono stigmatizzate, o peggio diffamate e perseguitate. Questi attacchi contraddicono i principi fondamentali enunciati in tre risoluzioni approvate dal Consiglio in questa sessione. La verità è che questi attacchi costituiscono violazioni dei diritti umani fondamentali, e non possono in nessun caso essere giustificati.
    Così è rispondente al vero

  5. Pingback: Vaticano: odiare i gay è nostro diritto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...