Se un gay non può cantare di fronte a una chiesa è solo colpa nostra

Cioè, io volevo davvero scriverlo l’articolo su Elton John, a cui verrà impedito di cantare di fronte la cattedrale di Trani perché è gay. Volevo dirlo davvero che per i cattolici è grave che un gay canti di fronte a un luogo sacro, mentre magari tollerano che dentro le sacrestie violentino i bambini. Volevo dirlo che questo è quello che succede quando dai la politica in mano a criptofascisti e a show girl fallite. Ma siccome tutto è così trito, visto e rivisto, come viste e riviste saranno le reazioni dei froci italiani – il nulla – e delle associazioni di rappresentanza – il solito vuoto comunicato stampa – non aggiungerò altro a quello che potete leggere già sui giornali.

Nel silenzio e nel nulla che seguiranno, tutti siamo complici delle parole di Babini.
Siamo noi i responsabili del fatto che un cittadino europeo verrà discriminato per una sua condizione personale.

Questo è l’Italia di oggi, lasciata in mano al malaffare, alle mafie e, sempre di più, alla sua sempre più orribile chiesa.

About these ads

9 pensieri su “Se un gay non può cantare di fronte a una chiesa è solo colpa nostra

  1. Ma la piazza del duomo di Trani è area privata di proprietà della diocesi o appartiene alla città? Se, come credo, è vera la seconda, aver sfrattato il concerto di una star internazionale per i furori talebani di un’esigua minoranza è un’enormità che nemmeno in Iran. Fra l’altro mi pare che Elton John si sarebbe esibito per festeggiare il riconoscimento Unesco di “patrimonio dell’umanità” rilasciato proprio alla cattedrale di Trani.
    L’Unesco dovrebbe rivedere immediatamente le sue decisioni.

  2. mi vergogno di far parte di questa italia, anche se in verità non mi sento italiano

  3. Non lo sapevo !?, ma me lo aspettavo. La troppa pigrizia degli italiani, che per anni hanno vissuto di formule parlamentari, riti e modi di vita vecchi, senza domandarsi mai nulla, hanno portato figure meschine e secondarie a rappresentare e determinare la loro vita. Ora mi sembra che rimanga solo una risposta piú contundente della stantia battuta “con una risata vi seppelliremo!” Dobbiamo rispondere. L’accidia fa crescere gli infami.

  4. L’omosessualità è un orientamento sessuale, come tale può anche essere inteso come una “condizione”. Al solito, Paesano perde momenti preziosi per restare zitto.

  5. Caro Elfo, condivido al 100% quel che dici tranne una cosa: il tuo attacco all’associazionismo LGBT. Io sono impagnato in esso da più di 10 anni, ci rimetto soldi, tempo, fatica e faccia. Sai quanti associati si “prodigano” ad aiutarci praticamente? Quattro. E sai quanti si mobilitano se li chiami a manifestare pubblicamente un qualsivoglia disappunto? Quattro più qualche amico o amica, di norma etero! Se non riusciremo a far sbocciare in questo Paese una cultura del “metterci la faccia”, se non riusciremo a sradicare la malapianta dell’”Armiamoci e partite!”, non andremo mai da nessuna parte. Per carità, forse non siamo bravi noi a saper trasmettere questi valori ai nostri associati, ma, ti prego, non scadere anche tu nel qualunquismo distruttivo che va tanto di moda e risparmia almeno chi in questo momento ha il coraggio di attraversare il deserto a testa alta gridando al vento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...