Settimo cielo: dove sta la verità?

Puntuale come un castello di scuse tardive, ecco che arriva anche la versione dei due ragazzi che sostengono di essere stati allontanati dal Settimo Cielo, il lido gay-friendly romano, per un bacio scambiato sulla battigia.

La lettera di spiegazioni è stata pubblicata sul sito di Arcigay Roma ed è stata firmata con una sigla. La situazione adesso si complica, perché di fronte a prese di posizione così nette bisogna per forza di cose capire dove sta la verità.

Il dato politico e culturale di tutta questa situazione è però un altro: credo, infatti, di poter dire serenamente che il vero problema di questa storia sta nel fatto che molti non credono non tanto ai ragazzi, le cui accuse verso il lido in questione devono essere provate – in democrazia funziona così, la mia parola contro la tua e se tu accusi qualcuno sei tu che lo devi provare, e l’accusato è innocente fino a prova contraria – quanto a chi li rappresenta. A torto o a ragione, ma è così. Arcigay Roma non è credibile. Questa è la vera sconfitta, e non per Marrazzo o chi per lui, ma per tutti/e noi.