Napoli Pride 2010: alcune riflessioni

Alcune riflessioni veloci sul Pride di ieri.

La prima: Napoli è una città splendida. Non ricordavo la sua bellezza e la sua regalità. A questo si deve aggiungere la grande partecipazione dei/lle cittadini/e napoletani/e alla manifestazione, che è stata accolta con calore, con molti sorrisi, con una solidarietà che non pensavo di trovare. La parte più bella del corteo è stata quella che ci ha visti passare in mezzo ai quartieri popolari, dove le persone salutavano dai balconi, mandavano baci, sorridevano e ballavano con noi. È stato emozionante, quasi commovente. Questo dovrebbe far riflettere certi partiti che pensano che il percorso per l’approvazione di leggi contro l’omofobia e per le famiglie GBLT sia ancora in salita dentro la società italiana.

La seconda: la madre degli idioti è sempre incinta e ultimamente fa parti plurigemellari. Paola Concia, infatti, è stata insultata e verbalmente aggredita da un gruppo di “compagni” della sinistra antagonista. La colpa del deputato del pd è quella di aver accettato di partecipare ad un incontro con Casa Pound a Roma. Adesso, non è che questa scelta mi sia andata del tutto a genio, ma organizzare un gruppetto per circondare e intimidire una persona al mio paese si chiama squadrismo. Solidarietà a Paola Concia (ma Casa Pound non ci piace).

La terza: mi sono ricreduto su un’idea che mi ero fatto ultimamente. Il Pride non è uno strumento superato. Va rivisto, è vero. Ma laddove non ci si è abituati alla sua presenza è un momento di incontro con la città. L’energia di ieri a Napoli non la sentivo da anni. La mia idea, per quelle città ormai avvezze ai cortei, è quella di creare manifestazioni stanziali e, con turnazione di almeno due anni, un grande corteo partecipato. Fermo restando che, secondo me, il pride nazionale dovrebbe stare a Roma.

La quarta (semiseria): ho visto gli amici di Roma e ne ho conosciuti di nuovi. La compagnia era splendida e ho pure mangiato la vera pizza napoletana. E poi credetemi, ballare il Waka Waka per strada, sotto la regia impeccabile del Coluccino, è una di quelle cose che porterò nel mio cuore per sempre!

Annunci