Crisis of infinite age

Hai trentasei anni. E a ottobre saranno trentasette.

Un bel giorno ti svegli e vedi che un tuo allievo piange perché la fidanzata lo ha lasciato, allora lo abbracci come se fosse figlio tuo e capisci che da quel momento in poi tutto è cambiato nella tua vita. Perché è come se fosse figlio tuo.

Sempre a partire da quel giorno cominci a non dare più importanza alle parole, perché sai che quando credi alle parole degli altri, che siano un «io ci sarò sempre» o un «non mi dimenticherò mai di te», poi dovrai fare i conti con l’assenza e l’oblio. Cominci pure ad averne le palle piene di gente che rompe le cose, a cominciare dalla tua fragilità, e poi devi essere tu a mettere insieme i cocci. Perché dover prendere scopa e paletta per spazzar via silenzi, distrazione e pezzi sanguinanti del tuo corpo a volte è umiliante, quasi insostenibile.

Addirittura ti guardi indietro e quasi non hai pentimenti, a parte qualcuno che, se vogliamo, ci sta tutto. Pensi che alla fine il percorso non poteva che essere quello, che le scelte fatte sono giuste, che gli errori comunque ti hanno aiutato a capirti meglio. Ti piace addirittura il lavoro che fai, se solo quei quattro pagliacci messi lì a governare ti permettessero di farlo.
Certo, qualcosa ti manca. Ti manca una casa tutta tua, col tappeto e il divano come quello che hai comprato per poche lire ma che tutti ti invidiano, a ben vedere, e che adesso giace in un garage a mille chilometri di nostalgia. Ti manca qualcuno che ci venga più degli altri, e in modo speciale, in quella casa e che magari un giorno ti dica che gli piacerebbe non andarsene più. Ti manca la certezza della noia e invece sei costretto a nutrirti del tedio dell’incertezza. Forse addirittura ti manca un figlio, però ok, andiamoci piano, non corriamo troppo.

E mentre tutto questo ti attraversa il cervello, nel pomeriggio ozioso allietato dal canto degli uccelli ai quali hai lasciato le briciole della tua colazione sul balcone, e scrivi queste parole sconnesse e anche un po’ patetiche, scorri la tua playlist su eTunes e il fatto di non trovare un’adeguata colonna sonora a questo impetuoso ruscello di pensieri lo leggi come un segno, come una metafora gigante, come il suono più adeguato, assieme ai rumori che provengono da fuori, per tutta l’incertezza che c’è.

Annunci

11 thoughts on “Crisis of infinite age

  1. E’ qualcosa di personale, forse è inopportuno anche il commento, ma due righe le lascio, magari aiutano la riflessione o magari no! I momenti “precari” (a tutto tondo) sono momenti di per sé forieri di malinconia, ma forse, checché se ne dica, sono la vita. Chi poi sente l’assenza al proprio fianco, con maggiore difficoltà aggredisce, cavalca questa precarietà. C’è l’elemento della consapevolezza, della potenza dell’azione, della riappropriazione del personale esserci. Chissà che tenere sempre in conto l’elemento più drammatico e nello stesso tempo meraviglioso della vità che è repentina mutabilità, imprevedibilità…precarietà appunto non sia l’elemento di cui dobbiamo davvero tornare a riappropriarci

  2. Questo post me lo sono sentito dentro. Grazie.
    Certo, io però tutto il capoverso riguardante il lavoro non me lo rivedo, visto che sono ancora studente… e questo è decisamente ancora più triste. Dunque c’è qualcuno che decisamente sta peggio di te… non che questo sia una consolazione, non lo è mai per le persone buone, lo è solo per gli stronzi, e tu non credo rientri in questa categoria.

    Un abbraccio.

  3. Bellissima pagina… se ti può consolare siamo tutti più o meno accomunati dalla stessa disgraziatissima sorte! Non c’è niente di peggio che non poter decidere del proprio destino… e nel mio caso queste parole hanno un significato ben preciso!
    1 bacio grande

  4. Bellissime e dolcissime parole…. ecco perchè ti voglio tanto bene…. :***
    mi hai fatto uscire una lacrimuccia

  5. @Andra e Fabio: che so sti puntini? :)

    #Biagio e Anagramma: ragazzi, non volevo trasmettere un’idea di tristezza ma di incompiutezza. È vero che c’è del dolore dietro quelle parole. Ma sta, appunto, dietro, non dentro. Speriamo solo di tornare integri! :)

    @Carla: ma sei la Carla che conosco io?

    @Mari: come stai cara? ♥

  6. Fare commuovere la crudelissima è sempre più difficile, ma lei signor Elfo ci riesce sempre.
    Grazie sempre.

    la peregrinatio Merisis naufragò. Ho telefonato e mi è stato detto (da una voce registrata) quanto mi avevi prospettato tu. Tutto esaurito…
    UFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFF
    A presto…
    ti abbraccio

  7. Penso che alle persone intelligenti manchi sempre qualcosa per essere perfettamente felici, ed è questo che le fa evolvere. Io in questo tuo momento di Sensucht ci vedo la speranza e la curiosità di quel che sarà. Meglio di quelli ce non si aspettano poù nulla da se stessi o dalla vita. Un bacio (e una Piña colada, ché aiuta sempre).

  8. Pingback: Crisis of infinite age

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...