Da oggi usare la parola “frocio” è reato

«Non si può dire a qualcuno che è un gay con l’intento di offendere, anche se la persona a cui è rivolta l’espressione ha effettivamente tendenze omosessuali e nonostante si dichiari di non avere pregiudizi e anzi di essere “laici apertissimi”.»
Lo dice la Cassazione. Da oggi etichettare come frocio, finocchio, busone, checca e qualsiasi altro termine degno del miglior repertorio berlusconiano una persona, sia essa gay o meno, è reato.

Prevedo tempi duri per Povia, cattolici, fasci, preti, elettori della Lega e dell’UDC e svariate tipologie di teste di minchia.

Annunci

15 thoughts on “Da oggi usare la parola “frocio” è reato

  1. Uno spiraglio di civiltà nella palude clerico-fascista premoderna in cui viviamo… Chissà, forse tra due-trecento anni riusciremo persino ad avere una legge anti-omofobia.

  2. Io purtroppo no. Certo, se dovessero usare l’epiteto con qualcuno di famoso,magari verrà anche applicata, ma temo che il poveretto, solo per strada, avrà vita difficile a far valere i suoi diritti.
    Ad ogni modo, é un piccolo passo in una buona direzione… almeno questo!
    Almeno qualcuno, forse, sarà costretto a moderare il linguaggio!!

  3. Non capisco la tua gioia, dimostri poca intelligenza. Da oggi è un’ingiuria dare del gay a un etero.
    E’ come dare della puttana a una donna o del ladro a tizio. No dico secondo te è positivo? Allora come mai dare dell’etero non lo è?

  4. Per Pia: forse perché la parola “etero” non é generalmente usata per denigrare, offendere, sminuire, sfottere, definire una “minoranza” spesso intesa in senso anche mentale? Certo che dare della puttana ad una donna dovrebbe essere alla stessa stregua, e forse non sai che dare del ladro a chi non lo é, in effetti é punibile per diffamazione. Ma come detto prima, le leggi andrebbero poi anche applicate…. Scusa ma non mi sembra Elfo a peccare di poca intelligenza…. senza offesa.

  5. #Piedina: sta a noi farsi valere. Lo stato, intanto, ci mette in mano un modo per farlo. Partiamo da qui.

    #Pia: ti sfugge una questione fondamentale. E cioè che non si può dire a qualcuno che è un gay “con l’intento di offendere”. Cioè, se io dico “penso che Marco sia gay” non sono passibile di denuncia. Se io do del Marco, a tuo nonno o a chiunque altro del finocchio, allora sì. Io dimostrerò poca intelligenza, a me invece sembra che tu abbia problemi con la comprensione dei testi in lingua italiana.

    #Edgar: faccio di tutto per essere di vostro gradimento.

  6. Pingback: Da oggi usare la parola “frocio” è reato

  7. @ Pia: perché non vai negli Stati Uniti e cerchi di spiegare agli afroamericani che è sbagliato considerare “negro” un insulto? Prova a chiedergli come mai dare del “bianco” non lo è e vediamo cosa ti rispondono…

  8. Scusate io non ho capito. E’ reato dare del frocio a chiunque, cioè sia etero che omo, oppure è reato dare del gay agli etero? Fra le due cose c’è una bella differenza.

    Ho letto oggi che una persona ha citato in giudizio dal giudice di pace due altre persone che gli avevano dato pubblicamente del frocio. L’arcigay si è costituita parte civile.

  9. se continueremo a dare ragione a cio’ che non e’ normale allora prepariamocci ad affrontare un mondo fatto soltanto di anormali…….

  10. Arturo, a parte il fatto che dovresti spiegarmi cos’è la normalità, dal tuo punto di vista. Ma al di là di questo, il tuo modo di scrivere ti sembra poi così ottimale? No, parliamone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...