Sanremo 2010: poviologia

Come avviene in natura per gli organismi elementari, anche la dinamica che sta alla base del funzionamento dell’ “arte” di Povia è abbastanza lineare e semplice. Nonostante il suo italiano stentato, legge i giornali e sceglie il caso che fa più presa sull’opinione pubblica: subito dopo ci scrive sopra una canzone.

L’anno scorso se l’è presa coi gay, suggerendo al popolino sanremese che se sei frocio puoi guarire. Quest’anno ci ha provato col caso di Eluana Englaro. Il cui papà è stato più intelligente di Aurelio Mancuso e gli ha smontato il giocattolo con l’unica arma che gli si poteva opporre: il silenzio.

Poi per carità, la canzone ha un motivetto carino. La cosa che irrita, al di là dell’ineleganza di chi la canta, è la poetica che anima il cantante in questione: lo sciacallaggio.

Aspettiamoci, dunque, per l’edizione 2011 di Sanremo, un pezzo su Silvio e Noemi.

About these ads

2 pensieri su “Sanremo 2010: poviologia

  1. Ti sfuggono alcune piccole evidenze.

    In primis, il mio blog non ha l’eco mediatico di Arcigay.

    Secondo poi: il danno ormai è fatto. Per altro io parlo di Sanremo in questi tre post, non di Povia. Se poi pure lui ci partecipa, sarò libero di dire “che schifo”.

    Terzo: criticare lo sciacallaggio che fa Povia su certi temi non è paragonabile alla pubblicità che ha fatto Mancuso allo stesso ben prima che “Luca era gay” fosse presentata al pubblico. Ha creato un’attesa attorno al testo che ha fatto il gioco di chi nutre i tuoi stessi pruriti omofobi.

    Dopo di che, torna a mangiar cannoli con Cuffaro, visto che sei finito in un partito (cattolico) di divorziati e di collusi con la mafia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...