Sanremo 2010: poviologia

Come avviene in natura per gli organismi elementari, anche la dinamica che sta alla base del funzionamento dell’ “arte” di Povia è abbastanza lineare e semplice. Nonostante il suo italiano stentato, legge i giornali e sceglie il caso che fa più presa sull’opinione pubblica: subito dopo ci scrive sopra una canzone.

L’anno scorso se l’è presa coi gay, suggerendo al popolino sanremese che se sei frocio puoi guarire. Quest’anno ci ha provato col caso di Eluana Englaro. Il cui papà è stato più intelligente di Aurelio Mancuso e gli ha smontato il giocattolo con l’unica arma che gli si poteva opporre: il silenzio.

Poi per carità, la canzone ha un motivetto carino. La cosa che irrita, al di là dell’ineleganza di chi la canta, è la poetica che anima il cantante in questione: lo sciacallaggio.

Aspettiamoci, dunque, per l’edizione 2011 di Sanremo, un pezzo su Silvio e Noemi.

Annunci