Scacciate siciliane

Quella di oggi non è una ricetta come le altre. Quella di oggi è una ricetta antica. Tramandata di madre in figlia. Come accade per le leggi delle streghe. Come accade con il destino. E allora, poiché il destino ha voluto che io fossi gay e mia sorella una lesbica mancata – capite perché questa rubrica è intrinsecamente “gender”? – l’antica sapienza di Bloody Nell e della Fricanea è adesso nelle mie mani.

E poiché non posso tramandare i segreti, ché tradirei i numi tutelari e le leggi della mia famiglia, vi espongo i prodigi di cui essi sono portatori. E voi, piccoli umani che vi accingerete a copiare questa ricetta, ricordatevi sempre che si comincia sempre così. Stendendo la sfoglia.

431074_10150493711845703_1058238510_n

Quindi si scelgono gli ingredienti adatti…

397950_10150493795065703_1732699707_n

407554_10150493814405703_1609407012_n

tutto si chiude, dunque, come in uno scrigno destinato a contenere sconfinati e mistici segreti

422000_10150493754645703_1861506996_n
e alla fine di tutto, poiché siamo umani, lo scrigno torna ad esser cibaria e la si pregusta con generosa voluttà

426854_10150493952035703_275987573_n
e come sempre è d’uopo dire in questi casi, buon appetito!

P.S.: per sapere quali sono i benefici effetti di questa magia, rivolgetevi alla strega più potente che esista, la mia piccola Chanel!