Aggressione a Berlusconi: dal governo stretta su web e piazze

Come volevasi dimostrare. Il governo – da oggi promosso a governo di sciacalli, dopo esser stato a lungo anche un governo inetto e scellerato – sta strumentalizzando l’aggressione subita dal premier per porre restrizioni al diritto di parole, di pensiero e per limitare le manifestazioni di piazza.

Maroni, il ministro dell’interno, ha dichiarato che si stanno studiando provvedimenti «per garantire ai cittadini e a chi ha compiti istituzionali di poter svolgere tranquillamente la propria azione». E ha aggiunto che si tratta di «misure delicate, che riguardano terreni delicati come la libertà di espressione sul web e quella di manifestazione, ancorchè in luoghi aperti, pubblici».

Adesso, poiché non stiamo parlando dei liberali tedeschi, dei conservatori danesi o dei socialisti svedesi, bensì di un esponente di un partito razzista i cui esponenti vanno a braccetto con i fautori del fascismo, tutto lascia pensare che la dicitura “misure delicate” possa essere agevolmente tradotta con “restrizioni”.

Che l’esponente di un partito non democratico e illiberale si occupi di democrazia è come lasciare le pecore in custodia dei lupi. Da notare, ancora, come nel “vuoto” istituzionale che si è creato col ferimento di Berlusconi sia proprio la Lega a dettare l’agenda politica italiana. Gli altri partiti sono ancora in stato catatonico, con un Bersani che non prende posizione – e questa sarebbe discontinuità? – Casini che adesso critica ciò che fino a ieri ha sostenuto e portato al potere e tutto il PdL che ha trovato il mandante politico di quest’aggresione in Di Pietro.

A nessuno viene in mente che quest’atto si colloca esattamente una settimana dopo il grandioso successo del No B Day, manifestazione di piazza libera, gioiosa, democratica e assolutamente non violenta. Tempistica un po’ sospetta, a ben vedere, come sospetti sono i casi dei profili su Facebook immediatamente riconvertiti in siti pro-Berlusconi.

Nessuno degli attori politici ha ancora chiesto l’unica cosa che c’era da chiedere: le dimissioni di Maroni, per l’incapacità da parte della sicurezza pubblica di garantire l’incolumità del presidente del consiglio.

Se, come pavento, l’intervento del governo porterà a una restrizione delle libertà civili e democratiche, non so davvero cosa potrà accadere e soprattutto occorrerà pensare a un’azione, sicuramente pacifica, ma forte e costante, affinché questi signori al potere facciano marcia indietro e, possibilmente, vengano conseguentemente rimossi dalle loro cariche.

Annunci