No B Day: il piddì fa come piace a Silvio

Come in molti ormai sanno, il 5 dicembre ci sarà una manifestazione di protesta sulle malefatte del nostro premier. Non solo per quelle delle quali è accusato nei tribunali della Repubblica, ma anche quelle che fa in parlamento per evitare gli stessi tribunali in cui dovrebbe andare come qualunque altro cittadino, visto che fino a prova contraria saremmo in democrazia.

Questa manifestazione è stata organizzata da comuni cittadini e cittadine che, si legge nel sito ufficiale dell’evento, «ritengono Silvio Berlusconi una pericolosa anomalia del sistema democratico italiano».

Aderire all’evento è semplice, basta essere a Roma il 5 dicembre 2009 alle ore 14, in piazza della Repubblica, portandosi dietro un indumento color viola: una sciarpa, un cappello, una maglietta, ecc. Per la sua natura, inoltre, la manifestazione è apartitica, ragion per cui non sono permessi vessilli di questo o quel partito. In altri termini, è una libera iniziativa della cittadinanza, la voce del popolo che attraverso strumenti democratici si organizza e esprime il proprio dissenso, secondo quanto previsto dalla Costituzione, verso un disegno eversivo che mina le basi del diritto e della democrazia nel nostro paese, disegno incarnato dall’attuale maggioranza al potere e dal suo leader.

Stando così le cose, il principale partito di opposizione dovrebbe avere come imperativo categorico quello di aderire e di fornire un aiuto concreto alla libera iniziativa popolare: d’altronde, un partito che si chiama “democratico” dovrebbe favorire le iniziative che cercano di salvaguardare la democrazia.

E invece.

Il piddì non ci sarà e non aderirà ufficialmente al No B Day. La scusa è di stampo benaltrista: non è una manifestazione che propone, va solo contro. Il piddì, partito che ha caratterizzato la sua cifra politica in nome dell’ignavia, adesso vuole farci credere di avere delle idee. Dimenticano i dirigenti del pd che la piazza ha il diritto di arrabbiarsi e che sta proprio alla politica fornire soluzioni alternative anche prendendo spunto da ciò che la piazza richiede. E il 5 dicembre gli italiani onesti chiederanno che si torni dentro il dettato costituzionale. Non aderire a questa evidenza è un atteggiamento politicamente idiota, se non complice di quel disegno eversivo che è incarnato dal nostro premier.

Per rimediare a questa vergognosa assenza, il pd organizzerà, subito dopo, una manifestazione “propositiva”, in cui diranno non solo un NO al cavaliere, ma proporranno l’alternativa. Cosa che dovrebbero fare in parlamento, a dire il vero, magari presentandosi in massa e votare contro provvedimenti contro lo scudo fiscale. Tanto per fare un esempio. Scudo fiscale passato grazie alle assenze del partito guidato da Bersani, dalla Bindi, dalla Binetti.

Giorno 5 dicembre in piazza scenderà il popolo del diritto e della democrazia. Non aderire ufficialmente al No B Day, significa non avere a cuore la libertà di questo paese. Concludo facendovi notare come nel manifesto dell’iniziativa dei piddini, non compare mai il nome del premier. Una scelta in pieno stile veltroniano, a ben vedere, il leader del centro-sinistra che ha consegnato l’Italia intera all’attuale destra al potere. Una scelta di un partito che fa opposizione così come Berlusconi la prevede: senza che il capo della maggioranza venga attaccato, senza che il suo nome venga fatto, senza che le sue magagne vengano messe alla gogna. Questo, purtroppo, è il partito democratico.

L’alternativa a tutto questo c’è: andare il piazza il 5 dicembre. Sta a noi, liberi cittadini e libere cittadine, prenderci la libertà che i rappresentanti politici di entrambi gli schieramenti (con qualche lodevole eccezione) non hanno intenzione di salvaguardare.

About these ads

7 pensieri su “No B Day: il piddì fa come piace a Silvio

  1. Bersani: “il più antiberlusconiano non è quello che urla di più ma quello che manda a casa Berlusconi”

    Ma che vor dì? Ha detto tutto e niente! E come lo mandiamo a casa, Berlusconi? Ma basta con questa politica ignava e succube dei compromessi! Così come la tanto esaltata “libertà di coscienza” sui temi “eticamente sensibili” .. ma che vuol dire? Io voglio un partito che abbia un programma e delle idee chiare, se devo votare un contenuto pieno zeppo di posizioni contrastanti e quindi sostanzialmente vuoto, allora è meglio rimanere a casa.

    Il 5 dicembre, andiamo tutti in piazza per protestare contro un governo formato da un capo corrotto e disonesto, coadiuvato da politici maschi comprati col denaro e donne, tutte mezze attrici/soubrette/veline fallite, salite al potere solo perché sono “carine”.

  2. Meno male che Tonino c’è, e c’è sempre da pertutto, l’IDV è
    l’unico partito antiberlusconiano, peccato che moltissimi lo
    ignorano, povera Italia…

  3. Questa manifestazione o è una creatura dell’IDV oppure è apartitica, in questo post io trovo una contraddizione.
    Non si può sostenere che il PD DEVE esserci, semmai saranno gli aderenti al PD a partecipare, come si fa giustamente notare, a titolo personale.
    Io contesto all’IDV il fatto di aver praticamente fatta sua l’iniziativa e poi aver preteso la partecipazione del PD.
    Il PD è un partito che non deve andare a rimorchio di nessuno.
    Se qualcuno vuole prendere un iniziativa unitaria prima la concorda e poi, assieme, si promuove.

  4. A leggere qui mi pare che le intenzioni “unitarie” del PD siano scarsine se decide di “marcare stretto” la manifestazione del 5, convocandone un’altra, sua e di partito, la settimana dopo.

    Certo lascia la libertà di partecipare a titolo personale, ma
    ma un partito che riconosce la possibilità alla Binetti di sfiduciare un governo, non poteva certo che lasciare margini di libertà anche ai propri simpatizzanti.

    Il risultato comunque sarà, cosa voluta e decisa dal PD,
    quello di dimostrare che esistono due opposizioni diverse.

    Quella antagonista e quella propositiva

    La cosa divertente è che questo significa, dopo aver scaricato e distrutto nell’ordine: PRC-SL-Verdi-PR…
    accogliere la tesi che la Sinistra antagonista esiste
    ancora, che è l’IDV e che nulla è cambiato.

    Che la Destra dica questo è ovvio, che il PD accetti
    questa prospettiva è puro masochismo.

    Di questo passo fra 10 anni il PD finirà per arrivare a prendere le distanze da se stesso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...