Rai zero

La settimana scorsa sono stato contattato dalla redazione di Storie vere, un programma del contenitore di Uno Mattina, per comparire, come ospite in studio, sulla questione dell’omofobia nella nostra società. La redazione mi ha anche chiesto di spedire loro un file con la copertina del libro per pubblicizzarlo in diretta.

Penso: ok, perderò una giornata di lavoro – cioè, perderò una parte di stipendio – però non solo faccio un servizio alla causa LGBT, ma pubblicizzo il saggio e questo non guasta…

Faccio presente il tutto alla redazione, prendiamo i dovuti accordi e procedo con la trafila burocratica. Quindi, stamattina, sveglia presto, stira giacca e camicia, fai training autogeno perché sapete, c’è anche un po’ d’ansia – giusto quella tonnellata – e pondero le cose da dire, visto che in studio ci saranno gli immancabili alfieri del male. È una bella responsabilità, d’altronde, concentrare un messaggio efficace in pochi minuti e dimostrare la giustezza della causa per cui lotti.

Forte, ma anche spaventato, da queste motivazioni e dalle responsabilità che ne derivano, attendo la macchina che è venuta a prendermi per portarmi a Saxa Rubra. Conosco la redazione, persone simpatiche e cordiali e, dopo il trucco-parrucco, (io solo trucco in verità), andiamo in onda.

La trasmissione procede veloce, vengono invitati a parlare tutti gli ospiti in poltrona. Io e Tommaso Cerno, un giornalista dell’Espresso, siamo in prima fila, tra il pubblico. Arriviamo quindi alle 11:55 e partono i titoli di coda. Penso: ora chiuderanno con un trafiletto di uno/due minuti. E invece la trasmissione finisce, io rimango lì – senza aver parlato – con il microfono attaccato mentre tutti vanno via.

A commento di tutto ciò, dico: lo sapevi che prendevo un giorno libero per fare, fondamentalmente, un favore a te… ecco, magari invece di far parlare l’omofobo di turno per tre volte di fila, potevi dare più spazio a tutti gli ospiti in studio.

Non ho bisogno di comparire in tv, sono quanto di più lontano dallo star system – soprattutto se le celebrità sono opinioniste altolocate o psichiatri da talk show – ma mi ha dato molto fastidio l’assoluta mancanza di delicatezza.

Il rispetto per le situazioni personali – leggi: prof precario che si prende un giorno libero per questo e di conseguenza non viene pagato – si vede proprio in queste “piccolezze”.

Secondo me in Rai, stamane, sono stati ben poco professionali. E questo è quanto.

About these ads

7 pensieri su “Rai zero

  1. Non capisco il dettaglio della “tonnellata di ansia” (addirittura! E nel 2012?), ma solidarietà per la giornata di scuola perduta. Io ne so qualcosa quando partecipo a convegni internazionali, ossia quando perdo 5-6 giorni di stipendio! (oltre al costo di viaggio & pernotto).

  2. Il vizio di farcire le trasmissioni all’inverosimile per poi tenere un ritmo frenetico, spezzare gli interventi, lamentare la carenza di tempo e “sedare” continuamente i toni che si è cercato in tutti i modi di far salire, è purtroppo un malcostume ricorrente nella tv di oggi. Comunque, grazie alla tua segnalazione l’ho potuta rivedere adesso su Rai.tv con il “valore aggiunto” della differita: saltati a pie’ pari gli interventi di Meluzzi.

  3. Beh, tu parli di professionalità perché sei un signore (sono sicuro che non ti offenderai come di recente è successo a qualcuno), io parlerei dei soliti cafoni che ritrovi ovunque.

  4. Assurdo! Mi spiace davvero molto, ma ciò testimonia il valore effettivo della televisione in merito alle tematiche più importanti: «zero», appunto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...