Fornero all’Avvenire: mai matrimonio gay!

Se qualcuno avesse pensato di trovare in questo governo una sponda rassicurante sui diritti delle coppie gay e lesbiche, ebbene abbandoni quell’illusione. Di ministri che camminano su strade lastricate di buone intenzioni ne abbiamo visti fin troppi. Anzi, di ministre, nella fattispecie. Da Pollastrini in poi.

Elsa Fornero non fa eccezione. In una sua lettera a l’Avvenire tiene a precisare, pur nel rischio di cadere nella pratica della “excusatio non petita”, il suo pensiero sulle coppie di fatto. E quello che emerge è sconsolante, come quando afferma:

Ho fatto riferimento al ‘”rischio” (non già alla realtà) di un superamento della famiglia tradizionale, citando l’andamento statisticamente decrescente delle unioni fondate sul matrimonio di un uomo con una donna e il sempre crescente realizzarsi di fattispecie nuove, come le unioni eterosessuali stabili di individui che non intendono contrarre matrimonio e le convivenze stabili di omosessuali.

Oppure:

il valore della famiglia tradizionale, valore che condivido fortemente, anche perché, come pure ho ricordato nella conferenza, in essa si rispecchia interamente la mia esperienza di vita (la mia famiglia d’origine, ai cui insegnamenti debbo moltissimo, e la famiglia che ho formato con mio marito sono infatti entrambe rigorosamente tradizionali).

O ancora:

sono sempre stata fermamente convinta che la famiglia rappresenti la base più solida per la crescita e lo sviluppo integrale della persona

e dulcis in fundo:

Non ho quindi auspicato che le unioni di fatto, sia etero sia omosessuali, siano equiparate alla famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, ma semplicemente invitato ad aprire gli occhi sulle diverse realtà che stanno emergendo e a non dimenticare, e meno che mai a discriminare, i diritti dei singoli individui che vi si riconoscono e che chiedono con forza un riconoscimento.

Tradotto in poche parole: la famiglia “buona” è quella cattolica, eterosessista, fatta da uomo e donna con prole. Poi questo istituto è messo a “rischio” dagli eterosessuali che non vogliono sposarsi e dai gay che vogliono farlo a tutti i costi. Allora, per disinnescare la bomba, la soluzione è: negare i diritti alle coppie, per tornare al concetto di diritti individuali, che sono fatti apposta per non riconoscere quelle coppie che chiedono tutela!

E il giornale cattolico – in questo caso, sinonimo di omofobo – plaude.

Penso di poter affermare a questo punto – e mi scuso di scadere nella volgarità, ma i protagonisti di questa triste e squallida vicenda sono muse in tal senso – che attingendo dal linguaggio della pornografia, questa lettera potrebbe essere definita come “rimming” istituzionale.

E noi abbiamo bisogno di politici veri, di scelte coraggiose e di persone che sappiano governare andando al di là dei ricatti morali e mentali che le istituzioni religiose sono in grado di esercitare nella loro psiche. Non certo di pornografi della burocrazia.

About these ads

15 thoughts on “Fornero all’Avvenire: mai matrimonio gay!

  1. Che squallore! Mi indigno con te (per quel che vale).
    Solo non sono d’accordo su una cosa… il “rimming” è diverso dal “leccare il culo”. Il primo è una pratica sessuale orientata al piacere, che non squalifica chi la intraprende e speriamo ci si diverte, la seconda è una squallida manovra di sottomissione acritica e piaggeria che non ha a che fare con il sesso (a meno di pensare il sesso come strumento di sottomissione, cioè di potere).
    Quindi lettere così non sono rimming, sono proprio leccate di culo.

  2. Pingback: Fornero all’Avvenire: mai matrimonio gay!

  3. Facciamo parte di una generazione che sta crescendo senza diritti e alle spalle ne abbiamo altre cresciute, anche loro, senza nulla tra le mani… e mi chiedo quanto saremo diversi da quelli che un giorno cresceranno con tutto il ventaglio di diritti immaginabili. Perché, secondo me, si matura diversamente quando sei consapevole di non dover lottare per avere qualcosa, ma di dover semplicemente godere di quella cosa che già possiedi fin dalla nascita.

    Te lo immagini un mondo dove non dover scrivere un post a commento di affermazioni governative del genere? Meglio: te lo immagini nascere in quel mondo e vivere normalmente, con gli stessi problemi di tutti gli altri, ma nulla che abbia a che fare con il tuo orientamento sessuale? Fortunato sarà quel ragazzo che potrà nascere in quel mondo là.

    Noi invece viviamo ancora in questa valle di lacrime e mi sa che se vivi per troppo tempo senza diritti rischi alla fine di assuefarti a certe stronzate… e credere così che le idiozie della Fornero siano semplici opinioni, del tutto rispettabili. E invece… no.

  4. Pingback: La Fornero concorda con Giovanardi. Entrambi: “Ai gay, solo diritti individuali” « Darling Michele

  5. @Steve Concordo, queste dichiarazioni peraltro sono le stesse di Giovanardi. Perché scandalizzarci per quello che dice “il simpatico Giovanardi” e invece ritenere tutto sommato accettabili le considerazioni della Fornero?

  6. Pingback: FORNERO ALL’AVVENIRE: MAI MATRIMONI GAY!

  7. si, dovresti rimuovere il post sopra del 28 ottobre 2012 alle 16:43 (o almeno il mio cognome) è un tipo che mi fa i dispetti e posta in giro provocazioni col mio nome

    Poi se rimuovi anche questo post

    grazie e scusa per il disturbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...