Obama e Hollande: sì a nozze gay! Bersani invece…

Francia, terzo millennio. Hollande viene intervistato sui  matrimoni tra persone dello stesso sesso che  «potrebbero diventare realtà nella primavera del 2013». Il giornalista gli chiede «Perché proprio allora?» e in neo-presidente francese risponde così:

I primi mesi dei lavori parlamentari saranno essenzialmente dedicati alla programmazione economica e, poiché desidero una buona discussione, meglio cominciare agli inizi del 2013 e terminare in primavera. E poi si sa che la primavera è una buona stagione per sposarsi!

Seguono una serie di illuminate – ma si sa, siamo nella patria dei lumi – riflessioni sulla lotta all’omo-transfobia, sulle adozioni, sulle politiche per le persone transessuali.

Stati Uniti, terzo millennio. Il presidente Obama si dichiara favorevole alle nozze gay:

I matrimoni gay dovrebbero essere legali. Ho tratto la conclusione che per me personalmente è importante andare avanti ed affermare che ritengo come le coppie dello stesso sesso debbano potersi sposare.

Italia, 2012 dopo Cristo. Bersani sta ancora aspettando il permesso del papa per potersi esprimere al riguardo. Rosy Bindi, invece, si dichiara fermamente contraria. Ma solo perché sa che lei non troverebbe moglie.