Caro Buttiglione, caro Giovanardi, io, gay, vi abbraccio con tutto il mio amore

Roma, 30 aprile 2011

Ho aspettato a lungo a scrivere questa lettera, aperta a voi e a chiunque volesse leggerla. Ho aspettato non tanto per placare l’ira che è scaturita dalle vostre affermazioni degli ultimi giorni – affermazioni che prendono di mira, in modo poco onesto, le nostre famiglie (mi rivolgo a lei, Giovanardi) e il nostro vivere dentro la società e del nostro lavoro (e qui il riferimento è a lei, Buttiglione) – ma per trovare le parole più adatte, quelle più vere, lontane da ogni livore e vicine al concetto di verità. Una verità che è soggettiva, visto che che vi parlo di me, del mio vissuto, ma che non stento a credere sia condivisibile da molti, a prescindere da ogni orientamento sessuale e dall’esempio di ognuno.

Sento troppo spesso la parola “famiglia” nei vostri discorsi. E la cosa, lo dico duramente, lo so, ma con altrettanta pacatezza, mi amareggia. E non perché siete voi a parlarne – perché ognuno ha il diritto di pensarla come vuole, assumendosi la responsabilità del ridicolo di cui si copre – ma perché mi rendo conto che non sapete di cosa parlate quando proferite le vostre “verità”.

Sono tornato a casa, per le festività pasquali, e ho raggiunto i miei genitori. Sono gay e ho un profondo senso della famiglia. Il mio modello è quello che ho imparato da mio padre e da mia madre. Forse un modello non perfetto – siamo tutti umani! – ma è quello in cui sono cresciuto, in cui mi sono formato come individuo e come cittadino. Di quel modello ho accettato, come accade a chiunque, gli aspetti in cui mi ritrovavo, criticandone altri, da cui ho preso le distanze, sempre nel rispetto dell’amore che mi lega ai miei cari.

Vedo i miei genitori invecchiare, perché il tempo è inesorabile. Ho visto mio padre sempre più silenzioso e mia madre piangere, quando io e mia sorella siamo andati via, per ritornare al nostro lavoro – io nella capitale, lei, siciliana come me, in un nord ad alta densità leghista – perché la sua casa sarebbe ritornata vuota.

Io e mia sorella non siamo andati via per capriccio o per celia, ma perché al sud non si lavora: cioè, per non morire. Civilmente, s’intende.

E perché nella scuola – dove siamo impiegati con contratti sempre più precari – in Sicilia, se sei giovane e non hai la fortuna di aver vissuto in tempi più benevoli, non c’è spazio. E allora si fugge. Non per chissà quale Hollywood italiana, o dentro qualche casa spiata da milioni di vostri elettori, ma per lavorare. Un lavoro che prevede tasse e, per noi single, nessuno sgravio fiscale. Un lavoro mal retribuito, che non tiene conto di anni di sacrifici prima sui libri, poi sui tram affollati alle sette del mattino e poi ancora degli sforzi per mandare avanti baracca e ufficio, nonostante i tagli degli ultimi quindici anni, avallati anche dalle vostre scelte politiche.

Con il mio lavoro pago le tasse per quegli ospedali che non vogliono il sangue di un gay, perché è passato il mito che il sangue di un omosessuale è naturalmente più infetto del sangue di tutti gli altri.

Pago le tasse per mandare a scuola quei figli di famiglie possibilmente omofobe, assieme a quelle solidali e vicine alla causa gay, senza aver la possibilità, a mia volta, di costruirmi una famiglia riconosciuta dallo Stato e senza avere la facoltà di adottare bambini bisognosi o di poterne avere naturalmente, con la maternità surrogata.

Questo dislivello del diritto è causato anche da voi, dalle vostre credenze, dalle vostre dichiarazioni, dal vostro voto contrario a qualsiasi tentativo di rendere la vita di gay, lesbiche e transessuali, meno violenta o semplicemente più bella.

Perché io potrei costruire una famiglia, con un altro uomo, adottare un bambino o procrearlo, circondarlo dell’amore mio e del mio eventuale partner – se abitassimo in Spagna, Canada, Sud Africa, Svezia e qualche altro paese civile, democratico e avanzato, potrei definirlo sposo – e di quello della mia famiglia di provenienza, sì anche di quella, e degli amici e degli affetti che mi circondano.

Come potreste vedere, se faceste lo sforzo di conoscermi, la mia vita, prima ancora di essere la vita di un gay, è una vita improntata sul concetto di umanità. Profonda, sentita, viva e, a volte, intrisa anche di sofferenza, perché il dolore è sempre l’ombra di tutte le gioie di cui siamo potenzialmente capaci.

Se le cose in questo paese andassero diversamente, io potrei avere una mia famiglia e stare accanto alla vecchiaia dei miei genitori. Potrei pagare le tasse per tutti, come già faccio, con la consapevolezza però, che per ora non c’è, che anche gli altri possano fare lo stesso per me e per ciò che rappresento. E questo non è un privilegio, ma il cardine di ogni democrazia: la condivisione responsabile di solidarietà  (in una sola parola: diritti) a parità di doveri. Questi ultimi ci sono tutti, per me. I primi, invece, mancano.

Se le cose in questo paese fossero diverse, potrei anche lavorare nella mia città, per arricchire la mia terra, la Sicilia, che soffre di una crisi di presenze mentali che, a sua volta, la depaupera a livello sociale ed economico.

E se le cose non vanno così è anche per vostra responsabilità, perché non c’ero io in parlamento quando la Moratti prima, la Gelmini poi, e l’onnipresente Tremonti sempre, decidevano di tagliare il mio futuro e quello delle persone che vorrebbero starmi accanto.

Le vostre scelte, in altre parole, hanno determinato la solitudine della mia famiglia di provenienza. E determinano, di conseguenza, l’impossibilità, a livello legale, di crearmi una mia famiglia la cui presenza nella società attuale arricchirebbe il contesto in cui sono immerso. Un esempio soltanto: non posso comprar casa perché, visti i prezzi, un mutuo sarebbe per me proibitivo. Potrei condividerlo solo con un compagno, ma poi ci sarebbero problemi di ordine legale sull’eredità, il possesso e tutte quelle conseguenze che stanno alla base di una convivenza che non può essere tutelata perché altri hanno scelto altrimenti.

Le vostre scelte, in pratica, impediscono a migliaia di famiglie di gay e lesbiche di rendere più dinamico il mercato immobiliare.

Come potete vedere, se la mia potenziale famiglia non è tale, a livello giuridico, non è per una sua (mai dimostrata) incapacità congenita, ma per l’ostilità della sub-cultura politica che vi ostinate a portare avanti, in nome di un Dio che, se esistesse, forse vi biasimerebbe.

Eppure, se aveste l’opportunità di accogliere il mio abbraccio, sapreste cosa si agita dentro il mio mondo e al di qua della mia pelle. Conoscereste il suono del battito, quando l’amore si concretizza. Sapreste il sapore delle lacrime di fronte alla delusione dei sogni che si frantumano. Sareste invasi dal tepore della mia tenerezza e dalle tempeste del mio smarrimento. Sareste accolti un una costellazione di umanità (singolare e plurale) che vi lascerebbe senza parole. Senza le vostre parole. Perché poi vi si chiederebbe, come successe a Giona, dove siete voi quando le stelle del mattino della speranza – mia e di tutti quelli come me, etero e gay poco importa – gioiscono in coro.

Allora concludo questa mia lettera, serena e tragica, ma non ancora senza speranza, quindi non disperata, con un abbraccio. Con tutto il mio amore. Quello che c’è stato e che se n’è andato, quello che c’è tutt’ora e quello che di sicuro ci sarà. Perché dentro quel sentimento di vita – vita!, non morte – c’è tutta la mia verità e su questa le vostre parole rimbalzano, ritornano a voi, si frantumano al cospetto dell’ipocrisia e dell’ignoranza.

E perché dentro questa verità le vostre si manifestano per quello che sono realmente: menzogne. Come sempre accade di fronte alle evidenze.

Per questo vi scrivo. Perché il mio amore riesce a comprendervi e se lo rifiutate, siete voi a non esserne capaci. Siete voi a non vedere ciò che succede, nonostante la violenza che mi (e ci) fate e che, proprio per la sua forza, riesce a sopravvivere e ad andare avanti, immerso tra sorrisi e infelicità. Perché è questo che ci rende umani. Che mi rende, profondamente e con ogni convinzione, un essere umano.

Cordialmente,

Dario Accolla

Pazza Ikea!

Copio e incollo direttamente dal sito di Arcietero:

Giovanardi ha bollato come «Un’offesa alla costituzione» i manifesti della multinazionale svedese che raffigurano una coppia gay con lo slogan: «Siamo aperti a tutte le famiglie». «Quel termine ‘famiglie’ è in aperto contrasto con la nostra legge fondamentale che dice che la famiglia è una società naturale fondata sul matrimonio», ha dichiarato il Ministro. «Non fare come Giovanardi», risponde Arcietero nel video: «Battiti per i diritti di tutte le famiglie, anche quelle gay».

FIRMA LA PETIZIONE

Paesi come Francia, Spagna, Olanda, Sudafrica e Uruguay -alcuni guidati da governi conservatori- permettono ai single e alle coppie dello stesso sesso di adottare un figlio.

per firmare, vai su http://arcietero.com/arcietero/ e lascia i tuoi dati.

Se firmi, sei meglio di Giovanardi. E di questi tempi, credetemi, non è davvero poco.

È ufficiale: Bersani è omofobo

Dal blog di Gilioli, sull’Espresso on line, su Bersani:

Lei considera «una questione di civiltà riconoscere alle coppie omosessuali un quadro giuridico che fissi reciprocità, diritti e doveri e che non si blocchi davanti a problemi di definizione per i quali dobbiamo rimetterci al quadro costituzionale». Detta altrimenti, Lei è contrario al matrimonio tra omosessuali e favorevole a qualcosa di simile ai Dico, ma tutti da definire.

E ancora, sempre dallo stesso articolo:

Lei si dice apertamente contrario all’adozione di bambini da parte di coppie gay perché «ci sono tante coppie eterosessuali che vorrebbero adottare un bambino e ritengo che la funzione pubblica debba garantire soprattutto queste, dando loro la precedenza».

Queste dichiarazioni, presenti in un libro-intervista di recente pubblicazione, fanno il paio con quelle dell’onorevole Giorgio Merlo che sul caso Ikea si scaglia contro le famiglie gay e difende, addirittura, il sottosegretario Giovanardi.

Queste ulteriori evidenze sono la ciliegina su una torta di ingiustizie che ha tra i suoi principali ingredienti i DiCo della Bindi, le crociate della Binetti, la bocciatura in Campidoglio del registro delle unioni civili – bocciatura imposta dal Vaticano ed entusiasticamente accolta da Veltroni e da tutto il gruppo consiliare del pd che per l’occasione votò con Storace – e la piena sudditanza dal Vaticano in materia di diritti civili.

Nonostante questo, i miei amici del pd continuano a volerci convincere del fatto che il cambiamento, per noi persone GLBT, in questa società, potrà avvenire solo dentro un partito le cui posizioni sono, con ogni evidenza, quelle di un segretario che è palesemente omofobo.

La differenza tra lui e un Giovanardi, un Casini, una Bindi, ecc., sta nel fatto che il segretario del pd non è in grado di pronunciare la parola gay con gelida serenità o con aperto disprezzo.

Ne consegue, a questo punto, che il partito democratico non solo non è la soluzione per la questione omosessuale italiana, ma ne costituisce il principale problema. Almeno fino a quando la base continuerà a votare in modo entusiasta personaggi così mediocri.

25 aprile: insegna nazifascista a Roma

È in ferro battuto e reca una scritta in inglese. La traduzione: il lavoro vi renderà liberi. Lo stesso messaggio che, in tedesco (Arbeit macht frei), si trovava all’ingresso dei campi di sterminio nella Germania nazista.

È successo a Roma, a Pigneto, quartiere simbolo della Resistenza e, oggi, agglomerato multietnico della città. Un messaggio chiaro che i rappresentanti del rigurgito antidemocratico, non contenti di essere degnamente rappresentati in parlamento da partiti quali il PdL e la Lega, hanno montato sul ponte che sovrasta la ferrovia del quartiere romano.

Un insulto alla memoria storica, al significato di questo giorno – da cui è nata l’Italia repubblicana, laica e democratica – e alla dignità delle vittime dei lager nazisti.

Credo sia arrivato il momento che le forze democratiche e progressiste di questo paese si muovano in modo serio, risolutivo e inequivocabile per rendere fattivo l’antifascismo e il conseguente carattere democratico che deve animare l’essenza stessa del nostro ordinamento giuridico e civile. Ne va della nostra stessa esistenza.

Credo sia chiaro che il politicamente corretto che ha permesso a questa gente di esistere, fino a oggi, propagando una cultura di morte e di violenza, debba avere definitivamente fine. Con ogni mezzo possibile, istituzionale e di polizia. La nostra Costituzione, d’altronde, vieta ai fascisti di riorganizzarsi.

Ripartiamo da qui.

E ripartiamo da un nuovo 25 aprile – che non deve essere più il nostalgico ricordo di parti politiche di nicchia – che unisca tutti gli italiani, di destra e di sinistra, in una nuova concezione dello Stato che sia visceralmente nemica di ogni dittatura e, nel caso specifico, della più becera stupidità umana.

25 aprile per tutti/e!

Dedicata a tutti coloro che ancora non hanno superato lo shock di questa evidenza.

Credo che sia opportuno lavorare molto perché l’esito di questa storia diventi patrimonio collettivo e indiscutibile. Ovviamente con le buone, va da sé. Poi, per i duri di comprendonio

Ikea gay-friendly. Giovanardi: è contro la Costituzione

Campagna Ikea. Nel cartellone si vedono due uomini, vanno assieme, mano nella mano. Un gesto di tenerezza.

«Siamo aperti a tutte le famiglie. Noi di Ikea la pensiamo proprio come voi: la famiglia è la cosa più importante». Ma questo messaggio ha un nemico giurato: Carlo Giovanardi, ex UdC poi passato dall’ombra del crocifisso a quella del bunga-bunga, divenendo un  berlusconiano di ferro.

Per Giovanardi la campagna Ikea rappresenta un violento attacco alla Costituzione italiana, soprattutto di quell’articolo 29 in cui la famiglia è descritta come società naturale fondata sul matrimonio.

Vorrei chiedere a questo lugubre e grigio individuo quanto segue:

1. lei parla tanto di famiglia. Ma è naturale un istituto che per esistere si fonda su un contratto giuridico creato dall’uomo?

2. Lei si richiama alla Costituzione. Lo fa presente al suo primo ministro quando, obbligandola a votare decine di provvedimenti ad personam, stravolge la nostra Carta fondamentale in modo sicuramente più violento e pericoloso?

3. Sa che nel suo partito c’è chi ha concepito un disegno di legge – a cominciare da Gasparri e Quagliarello – per cui chi viene sorpreso ad abusare lievemente di un/a minore non è passibile di arresto?

4. Di fronte a tutto il male del mondo, questo suo continuo accanirsi contro persone che cercano solo di amarsi – nonostante lo squallore esistenziale che lei rappresenta con i suoi atti umani e politici – è pienamente coerente col suo essere cristiano?

5. Di fronte a tutto questo, di fronte alla continua offesa che lei perpetra al concetto stesso di umanità, non si vergogna nemmeno un po’?

Tutto questo chiederei.

Il valzer dell’ipocrisia

Ecco il comunicato stampa di Bindi sull’aggressione a Paola Concia e alla sua compagna:

La mia solidarietà e quella di tutta l’Assemblea nazionale del Pd a Paola Concia e alla sua compagna per l’ignobile aggressione subita ieri sera. Mentre rinnoviamo la nostra ferma condanna per ogni forma di intolleranza e di violazione della dignità e della libertà delle persone ribadiamo l’impegno del Pd per una pronta approvazione della legge contro l’omofobia.

Comincia il balletto della solidarietà ipocrita.

Rosy Bindi avrebbe dovuto scrivere:

scusaci Paola, per essere, in quanto parlamentari cattolici e portavoce del pensiero di questa chiesa, i MANDANTI MORALI dell’aggressione che ti ha coinvolta assieme alla tua compagna.

Credo che posta in questo modo, sarebbe stata più credibile.

Quando anche il pd “picchia” il blogger

Sto guardando l’ultima puntata di Exit. Ad un certo punto, D’Alema contro Flores D’Arcais. La differenza che vedo tra i due: uno dice cose giuste, ma le dice in modo sbagliato (D’Arcais), l’altro è talmente impresentabile e tronfio di sé che non si rende conto di quanto sia ridicolo, vecchio, obsoleto, addirittura dannoso (D’Alema).

L’unica cosa che sa fare è dare lezioni di una democrazia che non pare aver capito molto bene neanche lui. E alla fine, da bravo accademico (barone) della democrazia, di fronte alle domande, dei giornalisti e di alcuni blogger, non solo non risponde, ma scappa.

Quindi i blogger. Domande scomode. Forse pure un certo livore. Eppure: è la voce della gente. È gente che contesta il potere senza averne nulla in cambio. Contestare il potere è scomodo, è pericoloso. Un sostenitore di D’Alema, un militante del pd, tratta male il blogger, lo intimidisce, etichetta le sue domande come cazzate.

In democrazia le domande sono lecite. In democrazia.

Si arrabbia pure lei, Cri. Perché lei ci crede nel suo partito e le fa male vedere che la gente non ci crede altrettanto. Però anche lei se la prende col blogger. Perché pare che dentro al pd si respiri un’aria di “paraberlusconismo”: nel PdL se non ami il leader sei il nemico. Nel pd, se non ami il partito, è colpa tua. Anche se non lo voti. Per berlusconiani e piddini è obbligatorio amare i riferimenti politici che danno ragion d’essere al loro stare in politica. Chi non lo fa è, di volta in volta, eversivo, terrorista, comunista, qualunquista, antipolitico. E via discorrendo.

Ciliegina sulla torta: Stefano Cappellini, il direttore del Riformista, che continua a riversare bile e disprezzo sul blogger, reo di aver contestato vizi e pratiche “berlusconiane” interne al pd, ai suoi piani più alti. Senza contraddittorio, ovviamente. Senza nemmeno entrare nel merito delle sue accuse su intercettazioni e scalate alle banche. Un vero e proprio “pestaggio” mediatico, contro un ragazzetto che forse è un po’ troppo ingenuo, ma di sicuro ha posto domande che attendono ancora risposte.

Non mi piace quello che vedo.

E quello che vedo è:

1. i politici che fuggono di fronte alle domande e i loro tirapiedi a minacciare chi le fa. Passi, per così dire, che si faccia a destra. Se si fa anche a sinistra, siamo messi malissimo.
2. le parole “in prigionia”. Si prende una parola, le si dà un significato che non è il suo e la si mette sopra a realtà che significano tutt’altro. Contestare ciò che non va nel potere, che è il sale della democrazia, viene chiamato antipolitica. Passi che lo facciano dalemiani e veltroniani e le loro giovani generazioni di zombi. Che lo faccia pure la parte sana del partito per me è grave. Vuol dire che la degenerazione semantica, sintomo primo di ogni tirannide emergente, ha corrotto usi e pensieri anche delle persone più valide che io conosco.

È per avvitamenti come questo, per queste corruzioni di pensiero, che la sinistra non vince. Perché assomiglia sempre di più, anche nei suoi gangli più positivi, a una brutta copia della miglior classe dirigente berlusconiana. Ne assume toni, parole, aggressività. La scena fuori dall’Alpheus, per come riportata dalla tv, è uguale a quella di un qualsiasi servizio con La Russa o La Moratti o di altri ancora che evitano le domande scomode e aggrediscono chi le fa.

E sta accadendo a sinistra, quella sinistra (o presunta tale) che pretende di essere l’alternativa del paese. Da Massimo D’Alema in su. Questo, ripeto, non mi piace.

Dicotomie

Vivere in bilico, tra ciò che hai e ciò che vuoi.

O se vogliamo, tra tutte le parole che domini e il silenzio che ti imponi. Tutto. Anche quello.

Perché a volte la verità di cui si è capaci non ha nemmeno troppo senso. Il significato delle cose che vivi può disperdersi, può addirittura infrangersi nell’unica realtà che possiedi.

Oggi ho pensato a te. Mi è stato detto così. Ed era un pensiero bello.
E poi, mi hanno rivelato, il mio sguardo si è fatto buio. Come il vento di questa notte che ci ha sparpagliati via, in un momento infinito.

Per un attimo, infine, i nostri corpi si sono toccati. Ed è stata la fine del mondo. La fine di tutto. Perché il tutto coincide col niente.

E nasce da queste evidenze di silenzi e significati ogni lacerazione interiore.