L’utilità dell’inutile troll

trolls o criceti?

Ne parlavo oggi con Caterina Coppola, la direttrice di Gay.it. «Come fai» mi chiedeva «a sopportare tutti quei commenti livorosi ai tuoi articoli sul Fatto e sul blog?»

Diciamo – e così le ho risposto – che la vedo così: i miei trolls sono una decina di persone al massimo, non una di più. Scrivono sempre le stesse cose, dall’ideologia/dittatura del gender, all’insulto omofobo come libertà di espressione e boiate simili. 

Adesso se io ho una gabbia di criceti che fanno a gara per contendersi la ruota non posso prendermela perché non hanno scelto di andare ad Harvard in alternativa. Sempre di topi stiamo parlando, con la differenza che topi e criceti sono animali carini, è DNA non sprecato, fanno parte della riserva biologica di Madre Natura.
 
Poi c’è un’altra evidenza. Questa gente, con commenti e clic, non fa altro che indicizzare gli articoli. Mi aiuta, in buona sostanza, a rendere più visibile un certo tipo di pensiero. 
 
Certo, capisco che di fronte a commenti come questo caschino le braccia, per chi è appassionato di questioni quali la logica, l’intelligenza, la razionalità e il pensiero critico:
 
momento di massima tensione intellettuale di un fake

momento di massima tensione intellettuale di un troll

ma credo anche che certi commenti siano, di per sé, monumenti importanti per l’idiozia di chi li scrive e utili per capire il disagio – psichico innanzi tutto – di soggetti cresciuti in contesti evidentemente svantaggiati.
 
Io ancora sto aspettando la risposta sugli accorgimenti tecnici che portano un individuo a riconoscere un gay da una fotografia. A meno che non si tratti di “gay-radar”, il che spiegherebbe molte cose. Converrete.

Oggi sul Fatto Quotidiano: “‘Visto’: ecco perché le barzellette sui gay fanno infuriare i social”

Le barzellette sui gay regalate da Visto

Le barzellette sui gay regalate da Visto

Sapete quanti gay ci vogliono a cambiare una lampadina? Cinque: uno per farlo e altri quattro per dire “favoloso”.

Poi vi racconto anche quella dell’omofobo intelligente… (ma appena dico questo tutti/e si mettono a ridere e non riesco mai a finirla).

I gay, come tutti, possono essere oggetto di satira. Ma non di derisione. Perché? Provo a spiegarlo sul Fatto Quotidiano:

Siamo d’altronde nell’Italia dei Tavecchio, di chi pensa che basti avere la pelle nera per amare precise produzioni ortofrutticole. Viviamo in una subcultura che riduce le minoranze a fenomeni da baraccone destinate a ripetere gesti sempre uguali per cui un calciatore africano non può che amare le banane mentre i gay devono essere ossessionati dal sesso. Questo tipo di semplificazioni rappresenta il bignami di un certo modo di interagire col mondo. Ed è rassicurante per un popolo che è agli ultimi posti di qualsiasi classifica, dalla lettura dei libri all’acquisto dei giornali, fino alla qualità delle università e della stessa democrazia rispetto agli altri paesi occidentali: risparmia dalla fatica di documentarsi, di mettere in discussione il castello di ignoranza e approssimazione in cui l’italiano medio e mediocre vive, trionfa e prolifera.

Buona lettura!

Salviamo l’orsa Daniza

 Salviamo l’orsa Daniza

C’era una volta. «Gabriele Maturi, 38 anni, mentre camminava nel bosco si è imbattuto in una femmina di orsa che aveva dietro di sè due cuccioli. Secondo il suo racconto, avvistata la famigliola, lui si sarebbe nascosto dietro un albero per osservare la cucciolata. L’orsa, però, avvertendone la presenza e fiutando un pericolo che inizialmente non vedeva, si sarebbe avventata contro di lui, colpendolo prima con due zampate, una alla schiena e l’altra al ginocchio, e mordendolo infine a uno scarpone».

Così riporta Repubblica on line, da cui ho ripreso la notizia. Il signor Maturi per una sua avventatezza ha rischiato grosso, ma è stato ferito in modo non grave per fortuna. Gli auguriamo, tutti e tutte, una pronta guarigione. Sempre su Repubblica è anche scritto, tuttavia, che «secondo il protocollo in vigore, l’aggressione impone che l’animale sia catturato [...] se l’operazione risultasse problematica, è prevista anche l’ipotesi dell’abbattimento dell’animale». 

Quindi, se ho ben capito: noi possiamo invadere gli spazi degli animali selvatici. Se loro si incazzano, però, la colpa non è di chi li porta all’estremo, ma di un’orsa che segue il proprio istinto e che adesso, per aver difeso i suoi piccoli da un estraneo, rischia di essere uccisa. Siamo una specie orribile.

Se volete firmare per fermare questa barbarie e salvare l’orsa Daniza, cliccate su Change.org e aderite alla petizione. Credo sia un dovere morale.

Sigla d’apertura

Se la mia vita fosse una fiction questa sarebbe la sigla di apertura.

E poi vabbè, ci sarebbe quella voglia di nord Europa che ogni tanto ti prende, per dare un colore giusto al tuo spleen, per la poesia di della pioggia che scivola sulle finestre grandi e bianche e per il cielo vichingo.
Per il sapore della colazione del mattino che ha quell’altrove.
Per fuggire, occasionalmente, all’irriverenza del sole di qua, anche se ne sei perdutamente innamorato. E quando ami un po’ è così: sai che non te ne andrai mai, anche se una parte di te vuole scappare, per non perdersi per sempre.

Eh sì, vi dedico questa canzone oggi, mentre cercherò di rimettere insieme i pezzi della mia mente, della mia vita e del suo significato in una domenica un po’ volgare, a causa del caldo e per del sapore residuo della notte, che ancora si impasta con la lingua e i pensieri.

L’insostenibile leggerezza di Adinolfi

Giuro che non è una battuta e no, non c’è nessun riferimento al peso. Per insostenibile, intendo proprio l’inaccettabilità, soprattutto sul piano morale, delle sue argomentazioni. Per leggerezza, intendo la superficialità, che poi è cifra politica del suo approccio sui temi LGBT. Di cosa parlo?

Stavo navigando sul web quando, puntuale come il passeggiar di una blatta in una calda e umida notte siciliana, compare un suo “ragionamento”, indirizzato a tre parlamentari (in carica ed ex) che hanno la colpa di essere gay: Franco Grillini, Sergio Lo Giudice e Daniele Viotti.

Riporto integralmente l’ennesimo sproloquio, ammantato dell’ormai solito vittimismo di cui si dotano le frange omofobe per sperar d’essere più credibili:

il piagnisteo omofobo di Adinolfi

il piagnisteo omofobo di Adinolfi

come ben si sa, non sono un fan del partito di Viotti e Lo Giudice e non appartengo alla schiera dei sostenitori di Grillini. Conosco personalmente Daniele, ma l’ho pure attaccato per come si stanno comportando, lui e il suo gruppo, al Parlamento Europeo. Ho visto Lo Giudice un paio di volte e nulla più e anche con lui non sono affatto tenero quando è necessario. Visto lo stato delle cose, non mi si può accusare di avere simpatie politiche per nessuno di loro.

Eppure li difendo per una semplice ragione: quel promemoria agitato sui loro guadagni a carico dei contribuenti è un inno alla cretinaggine. Per i seguenti motivi:

1. quegli stipendi e quelle cifre non sono dati ai tre personaggi citati in ragione della loro omosessualità, ma per gli incarichi che coprono o che hanno coperto. I 15.000 euro mensili li prendeva anche Adinolfi, quando era onorevole, e se ragionassimo come fa lui, potremmo dire che li percepiva “a carico dei contribuenti” per la sua obesità. Discorso idiota, siamo perfettamente d’accordo, ma è questo ciò che risulta dal parallelo “deputato gay = pagato dai contribuenti perché tale”

2. Viotti, Lo Giudice e Grillini non hanno fatto carriera in base alla loro omosessualità, ma in base al loro attivismo politico per i diritti delle persone LGBT. Quindi, hanno continuato il loro operato dentro le istituzioni dopo regolare mandato elettorale. Un po’ come può accadere ad un/a ipotetico/a attivista di un’associazione ambientalista, di una realtà antimafia, di un’organizzazione per i diritti umani, ecc. Se ragionassimo come Adinolfi, mutatis mutandis, si potrebbe dire che Rosy Bindi è diventata parlamentare per il suo essere credente. Altra boiata, giusto? Ma è così che ragiona il leader di Voglio la mamma

3. non so a che tipo di “mantenuti” si riferisca Adinolfi, ma se Viotti – per fare un esempio di fantasia – avesse preso come collaboratore il suo compagno – e non lo ha preso, come dichiara egli stesso – e se questo non è illegale, che problema c’è? Avrebbe comunque dovuto assumere un assistente parlamentare. Non è come dare un posto pubblico (tipo una cattedra universitaria, un posto da primario, un seggio sicuro in parlamento) a un fratello, un’amante, un cugino stretto…

4. forse i tre politici gay non hanno attaccato Adinolfi perché è contro l’utero in affitto e contro la compravendita di infanti (non credo che nessuno sano di mente sia a favore di queste pratiche), ma perché fa passare queste cose come specifiche del mondo LGBT, contribuendo ad alimentare odio sociale contro le minoranze.

Vero è invece che dopo non esser riuscito ad accedere a nessun tipo di carriera degna di questo nome, Adinolfi – come altri/e insieme a lui – sta agitando la bandiera dell’omofobia per darsi un’identità politica. Non sarà mai come un Casini, un Lupi, un La Russa, sicuramente lugubri politicamente e anche omofobi, ma le cui fortune politiche non si legano (esclusivamente) all’aver sposato un certo estremismo ideologico.

Insomma, sembra che la recente sentenza contro le discriminazioni su matrice omofoba di Carlo Taormina abbia fatto perdere parecchia lucidità – ammesso che l’abbiano mai avuta – ai supporter del “pensiero” (lo chiamiamo così per comodità terminologica) omofobico. Qualcuno dica a queste persone che dovrebbero smetterla, non tanto per far un favore ai tre parlamentari di cui sopra, ma per evitare di cadere in un senso del ridicolo di cui, Adinolfi & Co., non hanno piena consapevolezza.

***

P.S.: faccio infine notare che sia Grillini sia Viotti sono stati eletti con le preferenze, anche da migliaia di eterosessuali. Lo Giudice ha preso migliaia di voti alle primarie. Adinolfi è finito in parlamento come nominato e solo dopo che un collega di partito ha rinunciato al suo incarico. Possiamo dire che, contrariamente a qualcun altro, i soldi percepiti se li sono guadagnati con la loro credibilità sul piano elettorale e non certo perché messi in parlamento da un segretario di partito.

Il trionfo di Rete Lenford: Taormina condannato per omofobia

Rete Lenford

Rete Lenford

Ogni tanto una bella notizia. Come si legge sul sito di Rete Lenford «l’avvocato Carlo Taormina che, nel corso di una nota trasmissione radiofonica, aveva più volte dichiarato che non avrebbe mai assunto collaboratori omosessuali» è stato condannato poiché «il Tribunale di Bergamo ha riconosciuto il carattere discriminatorio delle sue affermazioni».

Il giudice incaricato ha «condannato l’avvocato al pagamento di un risarcimento del danno a favore di Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford, nonché alla pubblicazione della sentenza sul quotidiano nazionale “Il Corriere della Sera”».

L’associazione di avvocati e di avvocatesse LGBT fa altresì notare che la sentenza «rappresenta un punto di svolta in materia di contrasto alle discriminazioni. È il primo caso in Italia di condanna per discriminazione in ambito lavorativo verso le persone omosessuali. Inoltre, è da sottolineare il riconoscimento di un risarcimento del danno a un’associazione che si batte a tutela dei diritti delle persone LGBTI». Il denaro, dichiara Rete Lenford, servirà a finanziare «attività informative sui temi delle discriminazioni e di promozione di una cultura della diversità».

Il presidente Antonio Rotelli fa notare ancora come «questa sentenza si pone anche come monito verso le future affermazioni a carattere discriminatorio, in quanto riconosce che non ogni opinione è legittima; dichiarare pubblicamente di non voler assumere collaboratori sulla base del loro orientamento sessuale è una discriminazione punita dalla legge».

Per chi volesse saperne di più, rimando al sito dell’Avvocatura, in cui è  stata pubblicata l’ordinanza del Tribunale di Bergamo che ha emesso la sentenza.

Faccio altresì notare che mentre in parlamento e in certi partiti si gioca a fare i sottosegretari, a scrivere leggi contro l’omo-transfobia e a fingere di legiferare sui diritti delle famiglie gay e lesbiche, il mondo dell’attivismo LGBT porta a casa un risultato concreto. Questo a futura memoria di chi parla di inutilità delle associazioni.

Un ultimo affettuoso pensiero alle solite associazioni omofobe: si rassegnino. O in alternativa, continuino a leggere libri in silenzio nelle piazze italiane. A quanto pare, è l’unica cosa che gli rimane da fare. Loro avranno pure la chiesa, dalla loro. Noi abbiamo il diritto e la ragione e anche se la guerra è lunga, non è cosa da poco.

Oggi sul Fatto Quotidiano: “Utero in affitto, cattivi genitori e…”

il “caso Gammy” scuote l’Australia

Siamo alle solite. E il solito prete dalle colonne dell’Huffington Post mette il becco in fatti che non dovrebbero riguardarlo, quali maternità surrogata, genitorialità e autodeterminazione. Ne scrivo sul Fatto Quotidiano, rispondendo a tal Paolo Padrini:

Premesso dunque che si può essere genitori e anche parecchio delinquenti, ci sono almeno due aspetti per me inaccettabili dell’articolo di Padrini. Innanzi tutto, il suo tentativo di partire dall’enormità della mercificazione del corpo femminile (e qui siamo perfettamente d’accordo) per arrivare alla riduzione donna-madre, soprattutto quando dice: “La donna è donna, nella sua integrità, nella sua capacità potenziale di persona integrale, accogliente, sacra. […] L’utero non è uno strumento per la donna, non è un contenitore nel quale si realizzano meccanismi puramente biologici. E la donna non è una produttrice di figli, ma una madre”.

E ancora:

quando si blandisce il criterio di selezione della prole come atto disumano, andrebbe ricordato al sacerdote che la stessa cosa avviene nei confronti dei/lle giovani persone omosessuali e transessuali, che in molti casi – poiché non previste dalla morale comune e imposta dall’alto, Vaticano in primis – vengono cacciate da casa ed esposte a tutti i rischi che una vita senza la protezione della propria famiglia può comportare.

Per il resto, potete leggere il mio articolo sul Fatto on line.

Tuo figlio non smette di essere gay? Dagli l’esempio: cambia orientamento

Amy Dickinson zittisce i genitori omofobi

Amy Dickinson zittisce i genitori omofobi

Ho trovato questa notizia su Facebook e ritengo opportuno condividerla anche qui:

Amy Dickinson cura la rubrica “Ask Amy” sul Washington Post in cui dà consigli di coppia e familiari. Una mamma “tradita” le ha scritto perché suo figlio di 17 anni “non la smette” di essere gay: «Non mi ascolta, magari ascolterà te».

La risposta di Dickinson è diventata virale: «Cara Tradita, dà l’esempio a tuo figlio cambiando la tua sessualità, così gli farai capire quanto possa essere facile. Provaci, smetti di essere etero: gli dimostrerai che la sessualità di una persona è una questione di scelta – dettata dai propri genitori, dalla chiesa e dalle pressioni sociali» e non l’essenza di ciò che sei. L’invito è di essere genitori fino in fondo e di amare i propri figli per quello che sono: «Se non sei capace di accettarlo» conclude la giornalista «c’è un’associazione di genitori di omosessuali che potrebbe aiutarti, Pflag.org (l’equivalente dell’italiana Agedo) contattali».

La migliore risposta che possiamo dare qui, noi in patria, ai vari fan club delle terapie riparative.

Per chi volesse leggere l’articolo completo, clicchi qui.

La riforma del Senato e il ruggito delle foglie di fico

SEL e civatiani colpiscono ancora

SEL e civatiani colpiscono ancora

Diciamoci la verità. Col voto dei giorni scorsi in Senato, per cui sui temi “etici” ci dovrà essere la doppia lettura di Camera e Senato, ci siamo giocati la possibilità di far approvare qualsiasi legge migliorativa sui diritti civili in materie quali coppie di fatto, matrimonio egualitario, adozioni, questione trans, ecc. Per non parlare del fine vita, eutanasia, fecondazione assistita.

Perché?

L’attuale riforma costituzionale – semmai dovesse venir approvata – prevede che su certe materie legifererà la sola Camera dei Deputati. Il Senato dovrebbe fungere da raccordo tra competenze nazionali e competenze territoriali. Per cui se nel ramo basso del parlamento si voterà per qualche provvedimento fondamentale per la vita democratica e civile del paese (scuola, giustizia, sanità, pensioni, per citarne solo alcune) la maggioranza di turno avrà gioco facile a fare il bello e il cattivo tempo. Se ci fosse stato questo sistema già nel 1994, per intenderci, sarebbero passate tutte le schifezze del peggior berlusconismo.

Ma quando nelle prossime legislature si tratterà di votare qualche provvedimento migliorativo sulle civil partnership – ammesso, e ci credo poco, che vedranno la luce in questo parlamento – solo per fare un esempio, ritorneremo al solito pantano. E ciò avverrà in una camera che non potrà esprimere mai una maggioranza politica. Qual è la logica di far decidere su questi temi, che andrebbero supportati dal voto popolare su un programma di governo chiaro, ad un Senato formato da nominati che non risponde a un progetto politico?

Visti poi i lugubri personaggi che ci governano, sarà la classe politica – la cosiddetta casta – a poter decidere il “colore” della camera alta, in modo tale che non ci sia mai una vera maggioranza su certe tematiche. Pensiamo ai consigli regionali in mano a CL, come in Lombardia, per non parlare delle amministrazioni locali siciliane e quelle laziali, a cominciare da Roma, dove il potere del Vaticano è fortissimo.

La cosa grave è che ad aver votato questo scempio è stata l’area laica della sinistra, civatiani e SEL. Per fare uno sgambetto a Renzi – dopo avergli votato la fiducia i primi, e pur rimanendo nelle stesse alleanze col Pd nelle amministrazioni comunali e regionali i secondi – hanno sacrificato i diritti delle persone LGBT. Verrebbe da dire, ancora: anche le foglie di fico fanno sentire il loro ruggito. Gli basta solo posizionarsi dalle pudende del Pd al turgido membro leghista.

Insomma, avremo un futuro parlamento dove si potranno fare leggi per incriminare i giudici alla velocità della luce, ma ci vorranno secoli abbondanti per approvare provvedimenti orrendi come i DiCo, per intenderci. Questa la nuova Italia che ci aspetta.

Il giorno in cui venni rapito dalla fine del giorno

403883_10150417854610703_732356119_n

La fine del giorno

Ho trovato questa fotografia, in una cartella che avevo dimenticato di avere. Lasciata lì, come un ricordo distratto che riaffiora solo accidentalmente. Ricordo perfettamente quando l’ho scattata. Ero in pullman, stavo tornando a casa, durante il tramonto. Non ricordo perché, era un giorno infrasettimanale. Forse era per una seduta di terapia. Forse per altro. Di questo non conservo più memoria. Ricordo la bellezza limpida dell’aria della sera, la promessa notturna delle stelle ancora invisibili, la rassicurante sensazione di stare al sicuro in quel crepuscolo di luce, mentre le canne danzavano col cielo. E poi c’era lui, a cui avrei raccontato quelle sensazioni. Forse gli ho mandato un messaggio, succedeva spesso che a un certo punto prendevo il telefono e scrivevo. Non mi rispondeva subito, ma non era importante, perché sapevo che prima o poi lo avrebbe fatto. Sapevo che c’era e questa cosa sembrava non dovesse finire mai. Perché i nostri gesti si riconoscevano, anche a distanza. Perché riuscivamo a incastrarci come un puzzle di due tessere, quando dormivamo insieme. Perché ogni cosa manteneva il suo equilibrio assoluto, come quando cucinavo per lui, per cena, o riuscivo a calmarlo dai suoi scatti d’ira – mai contro di me – semplicemente accarezzandogli il collo, stringendolo a me, sussurrandogli le cose che avevo in mente di scrivere, di fare e di vivere.

In quel momento, in quel giorno in cui venni rapito dalla fine del giorno, non potevo immaginare tutto quello che sarebbe successo dopo: i fine settimana a camminare insieme e a non avere paura del nostro andare per mano, perdersi tra le meraviglie della capitale nelle mattine di un gelido inverno, conservare le briciole per gli uccellini, scoprirsi disattenti, spendere troppo in libri e cd, ritrovarsi in un’intenzione, non accorgersi dello sgretolarsi delle cose che avrebbe travolto anche noi, come in un fantasy senza lieto fine. E poi smettere di esserci, così. Come quando il sole tramonta e sembra la cosa più bella dell’universo, ma poi rimane quella lingua di fuoco, l’ultima scheggia del giorno. E sparisce in meno di un secondo, lasciando spazio alle tenebre. All’assenza.

Non so ricordo se quella sera, tornando a casa e chiamandolo, gli raccontai della bellezza di quell’immagine. Questo non appartiene più alla mia reminiscenza e alle mie malinconie, così come il dolore conseguente per la notte che sarebbe arrivata, ineluttabile. Ma ricordo quella sensazione di casa e di eternità, quella semplicità che mi rendeva felice persino in un autobus un po’ scassato in una strada del sud, in mezzo al silenzio delle galassie, e credo che questa sia una di quelle cose lasciate qua e là dentro di me affinché provassi gratitudine – mille anni dopo – per il fatto di esserci stato e di esserci ancora.